Come NON Pagare le Tasse sugli Stipendi

Oltre alla paga stabilita da contratto, molte volte da titolare ti trovi nella situazione di dare qualcosa in più a uno o più dipendenti. Dare qualcosa in più, oltre alla quota fissa in busta è anche uno stimolo al raggiungimento di un obiettivo importante. Se ti stai già preoccupando delle tasse da pagare, prendi un respiro: ora ti spiego qual è il modo per evitare di pagare delle tasse in più.

 

Per dare un extra senza pagare altre tasse puoi scegliere di dare al tuo o ai tuoi dipendenti l’equivalente in servizi: un viaggio, contributi per la formazione o per la conciliazione dei tempi lavoro – famiglia.

La soluzione è un piano personalizzato di Welfare, pianificato su misura – in base alle disponibilità e agli obiettivi – della tua azienda. 

Attraverso i benefit è possibile aumentare la produttività senza ritoccare il costo del personale.  Ecco un esempio concreto per capire meglio di cosa stiamo parlando.

Ipotizziamo che la tua azienda voglia premiare un dipendente con 1.000 €. L’erogazione di tale somma comporterebbe l’aumento di alcune voci, cioè:

  • INPS (11% sotto i redditi da 45.000 €, altrimenti 12%)
  • IRPEF (aumento dell’aliquota marginale)
  • Aumento addizionale regionale del 3%

La somma finale nella busta paga del dipendente è 590 €. Non è proprio la stessa cosa, vero? A quel punto se il dipendente riceva 1.000 € ne devi tirare fuori di più.

Come cambia la situazione con il Welfare aziendale?

Con il Welfare aziendale non erogheresti i 1.000 € in busta paga, ma il dipendente potrebbe usufruire il netto della somma attraverso altri benefici, ad esempio:

  • Contributi di previdenza complementare
  • Polizze di copertura dell’assistenza sanitaria personale o per tutta la famiglia
  • Somme e prestazioni dirette per servizi di assistenza a familiari anziani o non autosufficienti
  • Somme e prestazioni per servizi di educazione e istruzione ai familiari dei dipendenti
  • Servizi aziendali di mensa e trasporto

L’Effetto “Collaterale” che Non Ti Aspetti

Lo sapevi? Sempre più aziende hanno scoperto che i piani Welfare innescano un meccanismo Win Win risultando più motivati a raggiungere gli obiettivi.  Il Welfare aziendale aumenta il potere d’acquisto reale del singolo beneficiario, migliora il clima aziendale e aumenta la produttività.

Con il sistema del Welfare assisterai ad un aumento della produttività senza nessun aumento del costo del personale: i problemi dei dipendenti (economici o legati alla salute o gestione della famiglia) vengono risolti a favore di una maggiore concentrazione al lavoro.

Vantaggi per l’Azienda: un Piano Welfare non è Vincolante come un Aumento

Un benefit non è un diritto acquisito per il dipendente: il Welfare ha una durata limitata ed è un sistema reversibile, al contrario di un aumento di stipendio che una volta messo a contratto deve essere mantenuto. Ovviamente può essere rinnovato, ma non è obbligatorio rinnovarlo. Inoltre può essere personalizzato in base alle esigenze dell’azienda e dei dipendenti.

Il guadagno sta tutto nella differenza tra premio in denaro e benefit. Sempre più aziende scelgono di adottare questo metodo per beneficiare della completa detassazione dei benefit e la migliore gestione del cashflow. Con un sistema di Welfare la liquidità di cassa non viene intaccata e il flusso di denaro può essere gestito senza “sofferenze”.