I 3 Modi per Aumentare il Fatturato

È il desiderio e l’obiettivo di ogni imprenditore: aumentare il fatturato. Sì, ma in che modo? Certo, si potrebbe aumentare il numero dei dipendenti, per dare quell’impennata alla produzione che ci farebbe davvero comodo. Farlo implica però lo scotto di una tassazione pesante, e non sempre possiamo permettercelo. Quindi?

Seguimi e ti spiego come puoi fare. 

 

Puoi aumentare il fatturato della tua azienda senza dover necessariamente assumere nuovo personale.

Ci sono solo due modi per farlo: 

  1. Rivedere accuratamente tutte le spese
  2. Assumere nuovo personale
  3. Attivare un sistema di benefit incentivanti

1. Rivedere (e Tagliare) le Spese

Per fare questo devi, innanzitutto: 

  • Inventariare con precisione tutte le voci di spesa
  • Metterti alla ricerca dei fornitori più economici, stando attento che non si vada a intaccare la qualità del prodotto che offri
  • Verificare che il tuo commercialista sia attento e preparato a cogliere qualsiasi opportunità fiscale favorevole.
  • Eventualmente pensare di assumere un consulente di lavoro in gamba.

2. Assumere più Personale

Considera che il carico di lavoro che i tuoi dipendenti può sopportare e portare avanti con successo non è infinito. L’organizzazione conta, ma il sovraccarico porta irrimediabilmente al calo della qualità, quindi valuta attentamente le tue scelte.

Se l’obiettivo è aumentare il carico di lavoro temporaneamente, considera che invece l’investimento sul personale è a lungo termine. Una volta assunta una persona devi essere certo di riuscire a pagarle lo stipendio sempre.

3. Stimolare il tuo Personale a Lavorare di Più e Meglio

Cosa facile a dirsi, ma poi nella pratica: come fare? Creare un ambiente di lavoro sereno, un team di persone che lavorano bene e volentieri è una bella sfida per qualsiasi titolare, ma anche, aggiungo, il modo più efficace per vedere aumentare il fatturato della propria azienda. 

 “Il pessimismo genera debolezza, l’ottimismo produce forza”

 William James (psicologo e filosofo statunitense)

Questo vale anche e soprattutto in ambito lavorativo. Personale sereno e ottimista si traduce in un ambiente di lavoro stimolante, capace di valorizzare ciascun dipendente, con un alto grado di “problem solving”.

Per ottenere questo, sempre più imprenditori hanno fatto ricorso con successo al welfare aziendale, ossia un insieme di benefit e prestazioni che l’azienda eroga per migliorare la qualità della vita e il benessere del dipendente e dei suoi familiari.

A differenza degli aumenti di stipendio, o dei premi produzione in denaro, il welfare non è soggetto a tassazioni, garantendo un evidente risparmio economico. 

Esistono tantissime forme di welfare, che puoi personalizzare in base al personale che intendi agevolare.

Può comprendere:

  • Viaggi
  • Polizze di copertura delle spese sanitarie
  • Percorsi di formazione
  • Contributi per le attività sportive, allargate ai familiari

Devi solo valutare quale sia il benefit più adatto ai tuoi dipendenti, e vedrai che presto saranno tangibili i miglioramenti del clima in ufficio, ma soprattutto, sul tuo fatturato.